Moonlighter – Da grande voglio fare il negoziante… ah no… l’ avventuriero.

  1. moonlighter meniacSi fallisce sovente e trovo questo modello adattissimo al carattere roguelike del titolo.

 

 

Negoziante di giorno. Avventuriero di notte.

moonlighter meniacMoonlighter è un action-rpg di stampo roguelike sviluppato dall’ indipendente Digital Sun e pubblicato da 11 Bit Studio, ed è disponibile per PS4 ( piattaforma sulla quale abbiamo giocato il titolo ), XBox One, Pc Windows, Linux, Mac Os, Nintendo Switch.

Vestiremo i panni di un giovane negoziante di un piccolo villaggio che ha ereditato l’ attività commerciale di famiglia dopo la scomparsa dei suoi genitori. Ma il nostro protagonista fin da piccolo sognava grandi avventure. Poco fuori dal villaggio ci sono infatti alcune caverne, o meglio alcuni dungeon. Cinque in tutto. Ma il quinto dungeon è sigillato da un’ enorme porta di pietra, sbloccabile solo inserendo 4 chiavi speciali.

La voglia di esplorare il quinto dungoen è irresistibile e pertanto il nostro arduo compito sarà quello di recuperare le quattro chiavi dai quattro dungeon sconfiggendo i guardiani che le posseggono. Ogni dungeon avrà un tema differente, con mostri e tesori specifici.

Action-rpg, roguelike, gestionale …

moonlighter meniacMoonlighter ci cala quindi in un modello di gameplay che fonde in maniera convincente i punti cardine di Zelda: A link to the past e The Binding of Isaac, creando un’ esperienza abbastanza profonda, dove esplorazione, raccolta di materiali, mostri e tesori saranno la chiave per riuscire a raggiungere l’ obiettivo finale.

Ma la particolarità di questo titolo risiede nella sua anima ” commerciale “. Durante il giorno gestiremo il nostro negozio, il Moonlighter per l’ appunto, e potremo mettere in vendita i vari oggetti raccolti durante le nostre scorribande.

Il meccanismo di vendita è molto intelligente. Non solo decideremo cosa vendere ma decideremo anche il prezzo di vendita che pensiamo sia più consono alla tipologia di merce. Saranno poi i clienti del Moonlighter a farci capire se il prezzo imposto sarà adeguato o meno tramite delle precise espressioni facciali riassunte in un fumetto. In questo modo e con la dovuta attenzione riusciremo a livellare bene i prezzi e soddisfare la clientela più disparata.

Grazie ai soldi guadagnati dalla vendita dei materiali sarà possibile migliorare il nostro equipaggiamento e acquistare matieriali utili alla sopravvivenza nei dungen ( le immancabili pozioni di ogni tipo n.d.r. ).

moonlighter meniacE qui entra in gioco anche la piccola componente gestionale di questo titolo che ci permetterà di assoldare alcune nuove figure commerciali come un alchimista, un fabbro, un venditore di oggetti preziosi, un banchiere etc etc e persino espandere la mobilia del nostro negozio in modo da poter aumentare la clientela e il numero di merci in vendita.

Detto ciò capirete bene che l’ esplorazione dei ogni dungeon, che consiste in tre livelli, non si risolverà con una singola run ma bensì sarà necessario tornarci più e più volte in modo da raccogliere oggetti preziosi in modo da guadagnare soldi e di conseguenza potenziare il nostro protagonista in modo da poter arrivare incolume alla presenza del boss di turno.

La grafica Pixel-perfect ben si adatta alla tipologia di gioco. Le animazioni sono ben fatte e il gioco scorre fluido senza mai rallentamenti di sorta. Anche la caratterizzazione dei mostri dall’ interno dei vari dungeon è ben contestualizzata creando dei piccoli microcosmi credibili. Il comparto audio è di buona fattura, con musiche di sottofondo orecchiabili che si adattano bene alle varie situazioni di gioco.

Procedurale ma non troppo

moonlighter meniacPer quanto riguarda l’ aspetto roguelike siamo di fronte al solito tentativo di creare proceduralità ma in definitiva è più un mischiare le carte che creare ambienti ex-novo ad ogni nuova run. In definitiva i dungeon cambiano e non ci troveremo mai alle prese con lo stesso percorso o con la stessa sequenza di stanze. Però la tipologia di stanze all’ interno di ogni livello è ben definito, e conterranno più o meno sempre la stessa combinazione di mostri.

Anche il loot è piuttosto statico e sarà facile andare alla ricerca dell’ oggetto che bramiamo per poter potenziare la nostra arma.

Sul fronte equipaggiamento avremo a disposizione diverse scelte ma non aspettatevi chissà quale profondità di livellamento o evoluzione. Le armi scalano in potenza e le armature invece influiscono su vitalità, difesa e velocità. Inoltre sarà possibile ” incantare ” ogni singolo pezzo in nostro possesso in modo da donargli un’ ulteriore power up. Più che altro ho notato che seppur si possono equipaggiare due armi ci troveremo sempre ad utilizzarne sempre una in particolare, ovvero quella che ben più si adatta al nostro stile di gioco e quindi ci concentreremo sul potenziarla e sul farla diventare sempre più letale tralasciando il progresso di altri oggetti in nostro possesso.

Moonlighter propone anche un buon livello di sfida. Si fallisce sovente e trovo questo modello adattissimo al carattere roguelike del titolo.

moonlighter meniac moonlighter meniac

 

 

 

 

 

Tante piccole buone idee

Moonlighter , oltre ad accostare in modo semplice ma efficace meccaniche gestionali ad un titiolo prettamente action-rpg, presenta diverse cosucce interessanti come il diario dei ritrovamenti, l’ organizzazione dell ‘ inventario e la possibilità di preservare alcuni oggetti preziosi in caso di fallimento.

Nel diario dei ritrovamenti possiamo visualizzare la tiplogia di oggetti che abbiamo trovato in ogni dungeon e anche il prezzo al quale lo abbiamo messo in vendita con relativo stato di gradimento lato clienti.

moonlighter meniacL’ inventario invece è diviso in due parti. Gli oggetti che posizioneremo nella parte superiore potranno essere preservati in caso di fallimento mentre tutti gli altri andranno persi. Inoltre alcuni oggetti, specialmente quelli ritrovati nei vati scrigni disseminati per i livelli di gioco, potranno essere posizionati solo a determinate condizioni o potranno applicare alcuni effetti più o meno desiderati.

Moonlighter è un gioco interessante. Digital Sun ha inserito tante belle ideee e il concept è di pregio per un titolo indipendente. Peccato che, nonostante siano necessarie circa 13/15 ore di gioco per completarlo, l’ esigua varietà dei dungeon e delle situazioni proposte lo rende a tratti ripetitivo, rischiando di annoiare alcuni giocatori che non amano affrontare backtracking compulsivo per molto tempo.

Stimolante, colorato, coraggioso e con buone idee, Moonlighter è un gioco che nonostante non stravolga il genere a cui si accosta regala diversi momenti di buon sano gameplay.

Fateci un pensierino se amate questa tipologia di giochi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *