Venture – La nostra recensione

Venture ci ha stregato. Un gioco capace di incollare al tavolo tra risate, imprecazioni e maledizioni.

 

 

 

Il Nobel al tavolo

Abbiamo avuto il piacere e l’ onore di provare a fondo Venture, card game da 3 a 6 giocatori ( età 12+ ). Pochi giorni fa di questo gioco abbiamo anche prodotto un highlight in quanto la formula di gioco descritta dalla casa produttrice, la BeeZarre Games, ci ha intrigato non poco.

In questo titolo, nato anche grazie agli studi scientifici del suo designer Giuseppe Morandi, vestiremo i panni di alcuni scienziati intenti a vincere il premio Nobel.

Il regolamento è snello ed efficace. Il set up è praticamente nullo e a tempo zero si è pronti a darsi guerra al tavolo. Ebbene si, Venture è un competitivo dove il saper danneggiare gli altri giocatori sarà la chiave per portare a casa la vittoria. Non ci sono token e contro token, soltanto carte.

Mano alle carte

Ogni giocatore pescherà casualmente uno scienziato ( Biologo, Astronomo, Geologo, Matematico etc etc  ), ognuno con una abilità speciale e insieme allo scienziato si riceveranno quattro carte missione ( naturalmente il numero totale di carte che comporrà il mazzo di gioco varierà a seconda del numero di giocatori ).

venture card game meniacQuello che dovremo fare sarà cercare di completare prima degli altri le nostre missioni, recuperando lo strumento chiave necessario. Ad esempio per chiudere la missione relativa al Codice Morse sarà necessario recuperare la clessidera.

In tutto gli strumenti sono quattro, identificati da quattro colori differenti che andranno a colpo d’ occhio a riassumere a quale missioni saranno necessari, e nello specifico : ampolla, calcolatrice, clessidera, penna d’ oca.

Agli strumenti si affiancheranno delle carte evento ( cinque carte per giocatore all’ inizio ) che saranno poi il succo del gameplay. Grazie a queste carte potremo intraprendere diverse azioni permettendoci così di far girare il gioco a nostro favore.

Il turno di ogni giocatore sarà composto da quattro fasi :

  1. pescare di una carta dal mazzo, con eventuale risoluzione della stessa ( carta che deve essere mostrata a tutti )
  2. giocare carte evento o utilizzare l’ abilità del personaggio oppure passare
  3. chiudere una delle quattro missioni ( una sola volta per turno – azione facoltativa )
  4. pescare altre due carte senza mostrarle e aggiugerle alla propria mano, scartando l’ eccesso ( le carte in mano dovranno essere sempre al massimo cinque )

Ecco… questi sono i semplici passi che racchiudono in estrema sintesi il gameplay di Venture.

Ma attenzione. Questo gioco ha una profondità eccezionale. Le carte evento permettono molteplici azioni e se giocate al momento giusto potranno ribaldare i fronti, danneggiare un avversario, difenderci dagli attacchi degli altri, creare confusione a tal punto da rimettere tutto in gioco e molto molto di più.

venture card game meniac venture card game meniac

 

 

 

 

 

 

Mai cullarsi sugli allori

Non c’ è mai nulla che si può dare per scontato e ogni volta sarà necessario adottare strategie differenti e cercare di mantenerle ben salde, difendendosi e creado situazioni capaci di depistare e sabotare i piani degli altri. Fino all’ ultimo non si può mai avere la certezza che la vittoria sia in mano nostra, nemmeno nei casi in cui si possa intuire che il nostro vantaggio sia stracciante.

venture card game meniacAd esempio in una delle ultime partite giocate personalmente avevo la vittoria ad un passo, soltanto un turno mi divideva dal Nobel quando il giocatore di mano mette in campo una carta evento capace di prendere una mia missione completa sostituendola con una sua incompleta.

Questa mossa ha fatto si che quel giocatore avesse già tre missioni completate ed ecco che calando l’ ultimo strumento in mano sua completasse tutti i suoi obiettivi strappandomi la vittoria dalle grinfie.

Saper scartare le giuste carte è un altro aspetto fondamentale, come fondamentale è saper giocare le carte di difesa ( molto spesso sono carte a tempo che rimangono attive per X turni ) in modo da salvaguardare le proprie missioni e carte.

Ma il cuore vero e proprio del gioco risiede nel saper dannegiare gli altri, sensa rimorsi e senza sensi di colpa. Giocare soltanto pensando al proprio orticello senza badare alle mosse degli avversari non vi porterà alcun risultato, anzi, faciliterete il lavoro dei vostri avversari.

A questo stuzzichevole modello di gameplay bisogna aggiungere anche un artwork delizioso ad opera della matita dell’ illustratore Francesco Raspanti e del graphic designer Roberto Morandi. Tutto è al posto giusto, ben organizzato e con un colpo d’ occhio assolutamente piacevole.

Non mancano nemmeno diversi easter egg molto “nerd” che vi faranno sorridere più di una volta, vedi ad esempio il casco di magneto nella carta evento ” attrazione magnetica “. Solo una piccola nota : sarebbe stato carino inserire nome e cognome su ogni personaggio principale in modo da poter incuriosire ancora di più i giocatori su i protagonisti del gioco ( personalmente non so chi sia il geologo … non mi offendete però eh n.d.r. ).

venture card game meniac venture card game meniac

 

 

 

 

 

 

Nel nome della cultura

Dulcis in fundo Venture è un gioco dal concept che unisce l’ utile al dilettevole. Perchè ? In ogni carta ci sono didascalie che approfondiscono quel determinato evento, situazioni, invenzione o scoperta. Tutte questi approfondimenti non sono opera di fantasia bensì reali informazioni scientifiche e fatti storici.

Perciò Venture oltre che regalare diverse ore di divertimento permetterà di venire a conoscenza di molti cavilli e info culturali non indifferenti, senza mai essere pesante nel suo modo di esporre ( d’altronde lo scopo dei produttori è proprio quello di diffondere cultura giocando n.d.r. ).

venture card game meniacC’è da dire che è un gioco che ha diversi tempi morti, dovuti sia al tempo necessario allo studiare le carte in mano figurandone l’ applicazione sia al dover sempre a fine turno dover rinunciare ad alcune carte se in eccesso; non è sempre facile decidere cosa scartare, anzi a volte può essere molto complicato. Pertanto non vi aspettate un gioco veloce e dai turni al fulmicotone. Un partita di venture durerà dai 40 ai 60 minuti, tutto dipende da come girano le carte e da quanto ” pensamento ” ci sarà al tavolo.

Venture ci ha stregato. Un gioco capace di incollare al tavolo tra risate, imprecazioni e maledizioni. Venture riesce assolutamente nel suo intento di saper coniugare gioco e cultura senza mai risultare stucchevole grazie anche ad un gameplay semplice ma di una profondità tale da lasciare sorpresi.

La campagna Kickstarter di Venture sarà attiva fino al 25 Ottobre a questo link.

Andate a spaccare di click il bottone del ” Back This Project “.

Non ve ne pentirete assolutamente.

Fidatevi.

Brano consigliato per entare nel mood del gioco :

Beastie Boys - Sabotage

 

magic merchant banner meniac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *