Impressioni sulla demo di Detroit: Become Human

Tutto scorre liscio tra scelte e scoperte fino ad arrivare all’ epilogo dell ‘episodio. Sarà qui che tutto il nostro percorso avrà un senso.

Cyber Appetizer

detroit become human demoDetroit: Become Human è uno dei titoli che più attendo in questo 2018. Quando ho saputo che sarebbe stata pubblicata una demo della prossima fatica di Quantic Dream mi ero ripromesso di non provarla per non avere pregiudizi prima dell’ uscita della versione finale del gioco.

Non ho resistito però alla tentazione di assaggiare questo prodotto e qualche giorno dopo la pubblicazione sul Playstation Store mi sono fiondato sulla demo.

Non parlerò in maniera specifica di cosa propone questo antipasto ma vi racconterò quali impressioni ho raccolto.

Mani al pad

detroit become human demoLa demo dura molto poco. L’ episodio che ci viene proposto si può concludere in 15 minuti di gameplay, minuti sufficienti a mostrare la complessità e l’ ottima fattura di questo gioco ” non gioco “.

Perchè come tutti i titoli sfornati e supervisionati dalla mente creativa ed eclettica di David Cage anche in Detroit: Become Human ci troveremo ad affrontare situazioni con molteplici scelte, morali e non, tessendo così il nostro percorso narrativo.

L’ impatto iniziale è una botta visiva. Si nota subito una cura dei particolari molto ricercata. Texture ben definite, ottima illuminazione, buonissima resa dei personaggi e l’ incedere classico di questa tipologia di giochi. Non ho mai riscontrato “sussulti” durante il gameplay se non un piccolissimo calo di frame proprio all’ inizio della demo quando il nostro personaggio ( Connor n.d.r. ) entra in scena.

detroit become human demoDopo pochi minuti, giusto il tempo di familiarizzare con i comandi, si inizia subito ad entrare nell’ atmosfera del gioco.

Il mondo in cui siamo catapultati è un mix di sci-fi e cyberpunk dove l’ immaginario di Blade Runner si fonde perfettamente con echi di Deus Ex.

Anche le musiche di sottofondo sono ben inserite. Tappeti electro-dark perfetti a questo tipo di ambientazione ( anche le musiche a mio avviso sono ispiratissime a quelle di Deus Ex e in particolare mi riferisco alla soundtrack di Mankind Divided n.d.r. ).

Nulla è lasciato al caso e si avverte sempre una sensazione di urgenza dettata dalla situazione stessa. Gli eventi evolvono mentre il tempo scorre e non avremo modo di gingillarci troppo.

Tra scelte e scoperte arriveremo all’ epilogo dell ‘episodio. Sarà qui che tutto il nostro percorso avrà un senso.

Si potrà arrivare a ben sei finali differenti. Io ne ho sbloccati soltanto tre per non rovinarmi tutta la sorpresa per quando metterò le mani sul prodotto finale, ma posso assicurare che bastano per intravedere la vena narrativa proposto da questo gioco.

detroit become human demo detroit become human demo

 

 

 

 

 

Cuore di silicio

Androidi e umani. Emozioni e routine danneggiate. Violenza e ordine.

La rigiocabilità è alta e studiare il ramo delle scelte effettuate che ci viene mostrato ogni volta che finiremo un capitolo porta a voler riprovare il tutto per capire le possibilità offerte. Le varianti sono molteplici e azzardare, andando oltre l’ ovvia scelta conduce a scene inaspettate e di grande valore emotivo.

detroit become human demoSono rimasto soddisfatto. Le mie aspettative non state deluse, anzi mi sono trovato di fronte a quello che potrebbe essere una delle migliori esperienze videoludiche degli ultimi anni.

15 soli minuti di gameplay.

15 minuti pieni di emozione.

15 minuti che fanno salire la scimmia in attesa del 25 maggio, giorno in cui Detroit: Become Human riempirà le vite di molti videogiocatori.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *