Flick ‘em Up!: Dead Of Winter – Sopravvivere a suon di schicchere

flick em up dead of winter meniacQuando uno zombi disarmato incontra un sopravvissuto con il flick, quello zombi è uno zombi morto

 

C’era una volta il West…poi c’è stata una mezza apocalisse, con tanto di invasione di zombi affamati e gruppi di sopravvissuti in guerra tra loro! Ed ecco a voi Flick ‘em Up!: Dead Of Winter.

Flick ‘em Up!: Dead Of Winter (d’ora in avanti FeUDoW) è un gioco di azione e destrezza per 1-10 giocatori da 8+, della durata di circa 30-45”, edito dalla Pretzel Games e pubblicato in Italia da Ghenos Games.

Crossover…ludico

FeUDoW non è altro che una rielaborazione dell’originale Flick ‘em Up, uscito nel 2015, ambientato nel selvaggio west, dove gruppi di pistoleri si dovevano sfidare a suon di duelli e pallottole.

Questa nuova incarnazione ne riprende ovviamente le meccaniche di base, mescolandole in modo sapiente con un’ambientazione molto apprezzata, che è quella di Dead Of Winter, prendendone in prestito personaggi, alcune meccaniche come le carte crossroads o tradimento ad esempio e naturalmente gli immancabili zombi!

Il risultato che ne esce è un bel gioco di abilità e destrezza, che vede impegnati fino a 10 giocatori, nel difficile compito di sopravvivere non solo ai mostri che infesteranno le varie location, ma anche ai morsi della fame, alla ricerca continua di oggetti utili per salvare la pellaccia e naturalmente anche ad altri gruppi di sopravvissuti che come voi, faranno di tutto per rimanere in vita.

FeUDoW si sviluppa a scenari, ogni volta sempre diversi e con obiettivi differenti.

Nel gioco ce ne sono cinque cooperativi, in cui i giocatori dovranno collaborare per completare l’obiettivo di missione, e cinque competitivi, in cui due gruppi di sopravvissuti avranno obiettivi differenti, spesso opposti tra loro.

E saranno proprio i vari scenari, a dirci quali pezzi piazzare sul terreno di gioco, quali e quanti sopravvissuti usare, quali sono gli obiettivi da raggiungere e, cosa molto interessante quali regole aggiuntive utilizzare oltre a quelle standard, descritte all’inizio del manuale.

Svolgimento del gioco

La prima cosa da fare sarà piazzare gli elementi di gioco in base allo scenario. Avremo a disposizione strutture come scuole, stazioni di polizia, librerie e così via, elementi quali lampioni, casse, gli immancabili barili, nonché anche mezzi di trasporto come auto, camper ecc. ecc.

Infine vengono piazzati gli zombi con la loro imponente torre degli zombi!

Sarà sempre lo scenario che ci dirà quanti e quali personaggi utilizzare. Se ne dovranno prendere le relative schede, gli oggetti di partenza, i punti ferita e così via. La partenza dei giocatori sarà sempre la stessa per ogni scenario.

Il gioco si svolge a turni, scanditi dalle azioni dei giocatori alternate a quella degli zombi (se ce ne fosse bisogno) utilizzando un segnalino tempo (un’orologio) posizionato sopra il camper, che ci indicherà anche l’alternanza tra giorno e notte.

Ogni personaggio in gioco avrà la possibilità di effettuare due azioni,  nell’ordine e nella combinazione che preferisce; ci si potrà muovere, attaccare, lasciare o prendere oggetti a terra, oppure entrare o uscire dagli edifici.

Come si potranno effettuare tutte queste azioni? Proprio con il famigerato “flick” del titolo del gioco, che poi è la meccanica alla base di tutto. Vediamo come funziona.

Per muoverci, dovremo sostituire il personaggio con un disco di movimento e dovremo effettuare un flick, un colpetto, una schicchera insomma, chiamatela come volete, il termine può variare in base alla vostra regione di appartenenza ma il risultato è sempre quello,

flick em up dead of winter meniac

Con il dito dovrete lanciare il disco senza toccare elementi dello scenario o gli zombi, pena l’annullamento dell’azione.

Se non avremo toccato niente, allora andremo a posizionare il personaggio al posto del disco nella nuova posizione. Per sparare stessa cosa, ma qui entrano in gioco le armi, che devo dire, mi hanno piacevolmente sorpreso per il loro utilizzo originale.

Si, perché in base al tipo di arma utilizzata, anche la modalità di esecuzione e le varie conseguenze saranno diverse.

Ad esempio il coltello dovrà essere lanciato in verticale verso il bersaglio. Sarà così più difficile colpire rispetto ad una pistola, ma al contrario non faremo nessun rumore e non rischieremo di attivare una zombie run!

Invece, sparando con il fucile a canne mozze, avremo a disposizione un token che fungerà da template, e potremo così tirare ben 4 dischetti piccoli, proprio come se fosse la classica rosa di pallettoni!

Per la carabina invece avremo sempre un template da utilizzare con un disco più grande, che potremo orientare per avere maggiore precisione nel tiro.

Insomma le situazioni sono tante e variegate, e ogni arma, sia essa una pistola, un coltello, una mazza da baseball o altro, è divertente da utilizzare.

Una volta terminate le azioni di un personaggio, verrà girato lo zaino che ha sulla schiena per segnalarne l’avvenuta attivazione e, in base a quelle svolte, ci sarà la reazione degli zombi.

Se non vi sarete mossi o non avrete sparato, non succederà niente e si passerà al prossimo giocatore.

Se invece avrete utilizzato un coltello o vi sarete mossi, sarà considerato un rumore lieve. In questo caso gli zombi caduti si rialzeranno mentre quello più vicino effettuerà una zombi run (vedremo dopo).

Se invece avrete sparato a ripetizione allora avrete fatto molto rumore e verrà effettuata una zombi run con tre degli zombi più vicini.

flick em up dead of winter meniacLa zombi run è un’altra novità introdotta in FeUDoW. Verrà piazzata una torre degli zombi dietro lo zombi più vicino al giocatore che ha fatto rumore, sopra la torre verranno posizionati i tre zombi più vicini a lui e, proprio come accade per la più classica torre lancia dadi, verranno letteralmente lanciati sul terreno di gioco prendendo avanti tutto quello che incontreranno, compresi i personaggi che potranno così perdere preziosi punti saluti, al temine dei quale saranno ovviamente morti.

Queste sono le regole di base. Naturalmente ci sono numerose altre condizioni,  carte da utilizzare in determinati scenari, regole per entrare e uscire dagli edifici quando possibile,  oggetti con cui potremo interagire a terra e così via.

Anche le condizioni di vittoria e sconfitta sono molteplici e si differenziano in base allo scenario scelto. Potremo perdere alla morte di un determinato numero di personaggi o allo scadere dei turni prestabiliti senza che si sia completato l’obiettivo.

Quindi per chi volesse leggersi fino in fondo il regolamento, lo potrete scaricare in pdf direttamente dal sito della Ghenos Games a questo indirizzo.

Materiali

Diciamo subito che i materiali sono di prim’ordine, e il rapporto qualità prezzo è veramente alto, considerando che lo potrete trovare tra le 40/50 €.

All’interno della scatola trovano posto una marea di zombi, personaggi, ogni tipo di armi ed elementi scenici quali casse e barili in plastica pesante di ottima fattura.

Troviamo anche numerosi segnalini comprendenti cibo, oggetti utili, risorse, punti vita e così via. Anche gli elementi scenici sono numerosi, realizzati in cartone spesso e resistente e variano tra una scuola, centrale di polizia, biblioteca, emporio, ospedale, camper, stazione di servizio, oltre che a lampioni, barricate o mezzi vari di trasporto.

Completano il tutto diverse carte da utilizzare in scenari specifici, le schede dei vari personaggi e gli elementi per delineare la zona di gioco.

Conclusioni

Conoscendo già Flick ’em Up, quello originale, ma solo marginalmente attraverso i commenti positivi di amici che già lo possedevano, ero curioso di provare questa incarnazione post apocalittica in salsa zombi.

Devo dire che il gioco si è rivelato veramente divertente e, pur avendo poche regole  e una meccanica di base che potrebbe sembrare fin troppo semplice (alla fine tutti abbiamo giocato con le biglie al mare sulla sabbia, ndr), il gioco non risulta mai banale e scontato, nemmeno troppo facile da gestire devo dire.

flick em up dead of winter meniac

In gioco dovremo stare attenti e gestire bene sia la parte action, di abilità, modulando la forza e la precisione con cui effettueremo i nostri “flick”, sia soprattutto la parte strategica del gioco.

Perché, come detto in precedenza, alcune nostre azioni scateneranno la reazione degli zombi che ci attaccheranno inesorabili, e quindi dovremo scegliere se spostarci silenziosamente, attaccare magari solamente con il coltello per questo turno per liberare la strada al nostro compagno dopo di noi, oppure fare una strage di zombi sparando all’impazzata!

Insomma le situazioni sono molteplici e anche gli scenari ci garantiranno una buona longevità, considerando che quelli competitivi potranno essere anche essere rigiocati a ruoli invertiti tra i vari gruppi di giocatori.

Grazie ad un gameplay divertente che piacerà sia ai bambini (i miei si sono ovviamente divertiti un sacco ad abbattere zombi, scagliando loro ogni sorta di disco, dischetto o mazza da baseball) che agli adulti, ad un rapporto qualità prezzo davvero imbattibile e anche all’ambientazione che, anche se inflazionata già da un pò ha sempre il proprio fascino, non possiamo che consigliarvi Flick ‘em Up!: Dead Of Winter senza nessuna remora!

Quando uno zombi disarmato incontra un sopravvissuto con il flick, quello zombi è uno zombi morto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *