Destinies – La nostra recensione

Non posso che consigliarvelo. Promosso a pieni voti.

Ad ognuno il suo destino

Oggi parliamo di Destinies, boardgame di Lucky Duck Games ed edito in italiano by Asmodee Italia ( designer : Michał Gołębiowski, Filip Miłuński ).

Destinies è un titolo molto particolare, classificabile come un rpg-lite da tavolo dove il ruolo del master sarà demandato alla companion app dedicata.

Companion App + Lucky Duck Games = Obiettivo centrato

La formula di cui sopra fa subito ben intendere quanto l’ uso della tecnologia sia ben orchestrato, d’ altronde Lucky Duck ha esperienza su questo fronte visto il successo della serie Chronicles of Crime.

Ma veniamo al gioco.

destinies meniac recensione 4

L’ angelo della morte

Ambientazione fantasy-medioevale. Una pletora di improvvisati eroi, sopravvissuti alle catastorfi e pandemie che stanno affliggendo il mondo, si troverà ad affrontare il proprio destino con l’ intento di piegare la minaccia della fine dei giorni, oppure darle spago.

I profeti raccontano dell’Angelo della Morte e della sua discesa sulla Terra per compiere la Fine dei Giorni. A pochi prescelti sarà donato il potere di dare forma a questo calvario portando ad altri salvezza e castigo. Le loro azioni saranno il testamento della forza e della volontà dei mortali.

Dopo un setup veramente rapido, guidato naturalmente dall’ app, e scelti i personaggi di cui vestiremo i panni ( che varieranno da scenario in scenario ) dovremo fare di tutto per cercare di soddisfare il nostro destino il quale è descritto nella parte posteriore del personaggio scelto. Avremo due strade da scegliere e tutte le nostre azioni in-game dovranno portarci sempre più vicino all’ obiettivo in modo dar via al finale dello scenario e cercare di conquistare la vittoria.

Parliamo di un competitivo da 1 a 3 giocatori ( età 14+ ), sia chiaro. Quindi niente sconti per nessuno, ognuno andrà diritto per la propria strada.

Il mondo di gioco sarà costruito man mano che esploreremo le zone a nostra disposzione e si popolerà di NPC e luoghi/eventi da poter visitare o attivare.

A turno ogni giocatore potrà muoversi di due tiles, se già scoperte, oppure di 1 tiles se inesplorata e successivamente potrà indagare/esplorare i punti di interesse a sua disposizione.

Ogni volta che attiveremo un punto d’ interesse o parleremo con un NPC, sull’ app saranno visualizzate diverse scelte che andranno dal dover superare una prova specifica, approfondire dettagli sul nostro destino, interagire, scambiare o utilizzare un preciso oggetto e via dicendo. Non ci sarà limite alle nostre scelte ma va tenuto conto che alcune potrebbero inibirne altre.

Inoltre il nostro modo di porci potrebbe portare ad altre opzioni di scelta che potranno anche influire sul nostro allineamento e sulla nostra reputazione.

Le prove saranno basate su tre caratteristiche principali: Intelligenza, Destrezza e Forza. I valori iniziali delle caratteristiche di ogni personaggio saranno dettati dall’ app all’ inzio di ogni scenario e si modificheranno durante il corso della partita guadagnando punti esperienza, da poter spendere in ogni momento durante il proprio turno, oppure saranno modificati dopo che avremo perpretato determinate azioni come risultato delle stesse, sia in bene che in male.

Per poter superare una prova bisognerà portare a casa dei successi, successi che saranno decretati dal lancio dei dadi ( 2 dadi sempre attivi per ogni giocatore e 3 dadi extra di riserva che saranno consumati all’ utilizzo e potranno essere ripristinati ). Ad ogni lancio dovremo totalizzare risultati pari o uguali ai punti caratteristica in essere sulle tracce dedicate all’ interno della plancia giocatore.

Il numero di successi ottenuti andranno poi inseriti nell’ app che decreterà o meno il buon esito della prova e narrerà la conseguenza della nostra azione. Vien da se che saranno presenti prove con diversi livelli di difficoltà e quindi il saper dosare bene l’ utilizzo dei dadi a nostra disposizione e gli oggetti consumabili a tal pro sarà fondamentale per raggiungere un buon esito.

Durante il nostro peregrinare nel mondo di gioco raccoglieremo oggetti che attiveranno abilità passive oppure potranno essere scartati per ottenere bonus. Il limite di oggetti per ogni giocatore è di 5 e dovremo sempre scartarne uno per poterne aggiungere un altro una volta che il nostro iinventario sarà pieno. Il bello è che se scarteremo un oggetto che ha un’ abilità attivabile “se scartato”, ne potremo beneficiare anche al momento di sostituirlo nell’ inventario.

Gli oggetti potranno anche essere acquistati acquisendo monete d’ oro da spendere presso determinati NPC che appariranno man mano che progrediremo nella storia.

Sulle carte oggetto e sulle carte destino sono presenti dei QR-Code che andranno scansionati ogni qualvolta decideremo d’ intraprendere un’ azione che li vedrà coinvolti.

Vien da se che saranno presenti prove con diversi livelli di difficoltà e quindi il saper dosare bene l’ utilizzo dei dadi a nostra disposizione e gli oggetti consumabili a tal pro sarà fondamentale per raggiungere un buon esito.

Durante la partita i giocatori potranno anche decidere di cambiare il destino scelto. Diciamo che tutto dipenderà da come si evolveranno gli eventi.

A grandi linee non ho più nulla da dire sul flusso di gioco che è veramente semplice ma allo stesso tempo molto molto profondo.

Impressioni

Destinies è un gioco che ci ha colpito al cuore. Prendete un RPG, trasportatelo al tavolo, lasciate soltanto le regole cardine necessarie ad imbastire l’ avventura e voilà… Destinies è servito.

Immediatezza e profondità aleggiano continuamente al tavolo. La sensazione di libertà all’ interno dello scenario è totale, come totale è l’ assorbimento dei giocatori nella storia che si andrà pian piano a delineare. Starà a noi scavare a fondo per capire come compiere il destino che abbiamo scelto, esporando, visitando luoghi e intraprendendo azioni.

Il mondo di gioco muterà sotto i nostri occhi, gli NPC lasceranno il loro luogo, altri ne prenderanno il posto. Alcuni luoghi non saranno più accessibili e chi era amico potrebbe diventare nemico. I destini dei vari personaggi si potrebbero incrociare ma lo verrete a sapere soltanto alla fine.

Non nascondo che anche avendo vinto uno scenario poi mi sia sentito in colpa di quanto fatto perchè sono andato a compiere qualcosa che poteva essere risolto da altri in un modo più consono alla mia umanità. Tanta roba, questa è veramente tanta roba!

Ho adorato il dover sempre leggere ad alta voce ogni singolo dettaglio delle azioni intraprese, tenendo però sempre nascosto il nostro fine ultimo. Questo “modo” rende tutti partecipi al tavolo e tende a limare i tempi morti che inevitabilmente il gioco propone in quanto, tra un giocatore e l’ altro, potrebbero passare anche svariati minuti prima che si possa essere di nuovo i protagonisti del proprio destino ( ora capisco perchè il gioco è limitato a 3 giocatori massimo, ndr ).

I materiali sono molto buoni. Il gioco consta di tante piccole miniature che arricchiranno visivamente il tavolo. I token sono di cartone molto spesso e le due miniature più grandi sono molto ben modellate ed esteticamente accattivanti.

Le illustrazioni sono molto belle lo scenario che si andrà a comporre sarò sempre molto intrigante e popolato di molti dettagli utili. Peccato che le tiles che comporranno via via lo scenario di gioco siano piuttosto sottili e quindi potrebbero rovinarsi facilmente.

Destinies propone anche la giusta dose d’ interazione indiretta, perchè riuscire ad intuire le mosse degli altri giocatori potrebbe farci scattare qualche molla in testa del tipo “se anche l’ altro volesse l’ oggetto che narrano essere nelle rovine? E se acquistassi tutti i grimaldelli disponibili precludendo la possibilità di scassinare le porte?”. Ecco, questi sono alcuni esempi di ciò che le nostre menti elaboreranno durante una sessione di gioco.

L’ app è eccezionale, studiata in ogni singolo dettaglio, compresa illustrazione 3D delle miniature da far scendere in campo, cosa molto utile vista la ridotta dimensione delle stesse.

Inoltre riesce nell’ intento di creare un’ entità terza al tavolo che detta l’ evoluzione degli eventi in modo credibile, con tanto di suoni d’ambiente e musiche sempre calzanti la situazione.

Invasiva? Il giusto. Oramai siamo abituati a questo genere di cross-over e pertanto non è più un qualcosa al quale abituarci. Più che altro la domanda è sempre la stessa: quando queste app non saranno più disponibili con Destinies cosa ci farò? Ma questo è tema di ben altro articolo semmai.

Alle prime il gioco potrebbe far storcere il naso a chi ama più “movimento” e più interazione diretta ma vi assicuro che è talmente alto il livello d’ immersività proposto che pian piano vi ritroverete avvolti dalla storia e non riuscirete a smettere di giocare senza che sia incoronato un vincitore.

Tenete conto che una singola sessione di gioco potrà anche sfiorare le 3 ore di gioco. Per questo l’ app propone un sistema di salvataggio.

Vien da se che è un titolo molto propenso a sessioni singole, vista la natura dello stesso, ma anche in più giocatori riesce benissimo nel suo intento di raccontare una storia che basa la sua evoluzione sul volere dei giocatori.

Destinies richiede attenzione. Ogni singolo passaggio narrato dall’ app contiene informazioni utili da poter sfruttare a proprio pro. Perdersi un dettaglio potrebbe portarvi a girare a vuoto per un po’, allontanando di qualche turno il vostro orizzonte. L’ app infatti non propone un sistema di cronologia e quindi se vi perderete un passaggio non sarete in grado di recuperarlo a meno che qualche altro giocatore non ve lo riassuma.

In definitiva non posso che consigliarvelo. Promosso a pieni voti.

Correte quindi su Magic Merchant e accaparratevi una copia senza indugio.

Augh.


destinies meniac recensione 8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *