Hellpoint – La nostra recensione

Hellpoint potrebbe essere proprio la sfida e l’avventura che stavate cercando ma alla fine dell’avvincente corsa potreste finire col riporlo nel vostro vano degli oggetti dimenticati

Il Sci-Fi souls che volevamo?

C’era una volta , in una galassia lontana , una stazione spaziale di nome Irid Novo.

Nel suo gravitare quasi alla deriva , in prossimità di un buco nero , quella che era una efficiente stazione spaziale appare ora come l’ombra di stessa…cadente , straziata , in balia di entità malefiche mosse dal volere di divinità astrali superiori a fortissime tinte occulte.


Nel quadro descritto poco sopra e dopo il menu di avvio , muoveremo i primi passi “spaziali” freschi di stampa in Hellpoint , nei metallici panni di un guerriero-androide su Irid Novo , in missione per scoprire cosa/come/perchè ha portato al catastrofico incidente noto come “Merge” che ha causato l’attuale situazione.

Ho detto “freschi di stampa” perchè verremo letteralemte stampati (o generati) e buttati nei corridoi di Irid Novo. Cosa e chi ci ha stampato? Al momento non è dato saperlo … e neanche più avanti.

Proprio cosi’ , Hellpoint , è l’ennesimo discendente diretto di quel ramo che porta il nome di giochi Soulslike , nel caso specifico stavolta pero’ parleremo e attribuiremo con giusta causa ,l’intrigante appellativo di SCI-FI Soulslike.

Amate il genere Sci-fi e siete incalliti giocatori dei Souls? Bingo

Dopo i dovuti preamboli potremmo finirla qui semplicemente consigliando la prova a coloro che hanno fatto per l’appunto “Bingo” , ma per dover di cronaca e per quella fetta di players che non rispecchiano i crismi sci-fi-souls , divulgheremo a seguire info e quant’altro da intendere come una sorta di “before you try…or buy”.

Hellpoint meniac recensione 3

Nulla è detto… nulla.

Sviluppato da Cradle Games ed edito da Tinybuild , Hellpoint è pronto a farvi sudare su dispositivi PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, Microsoft Windows, Linux, Classic Mac OS ( noi lo abbiamo giocato su PS4, ndr )

Molto, moltissimo dell’esperienza in game su questo titolo è facilmente riconducibile all’universo souls di From Software già dopo pochissimi istanti pad alla mano.

Come era solito dire un celebre referente dal sol levante che risponde al nome di Hidetaka Miyazaki: ” un mondo di gioco ben costruito potrebbe raccontare la sua storia in silenzio…” ed anche qui , dopo poche ore di gioco su Hellpoint , realizzeremo che l’allievo ha preso parecchio , se non tutto , dal maestro.

Azzerderemo inoltre nell’affermare che la narrazione minimalista tramandata dai souls , su Hellpoint raggiunge nuove vette , se non l’apice vero e proprio del “non detto”.

Per qualche motivo , ovviamente non spiegato , noi esistiamo in questa avventura , stampati e buttati nella mischia , la quasi totale mancanza di note , descrizioni di oggetti , riferimenti che inducano il giocatore a poter speculare ed elaborare teorie potrebbero a parer nostro incoronare il gioco come il detentore dello scettro supremo della narrazione ultra minimalista.

Un bene? Un difetto? Ai posteri , ma soprattutto alle community di appassionati di LORE il verdetto , fatto sta che secondo noi il titolo da una parte toglie (lore) e dall’altra ripaga (combattimento).

Il combattimento infatti , forte di uno stile Souls che ha ormai segnato un epoca videoludica e che continua a far proseliti , come ci si poteva aspettare , ripaga in pieno le attese e l’esperienza del videogiocatore.

Nulla di assolutamente nuovo sotto l’ombrellone , R3 per “lockare” – R1 per attacco leggero – R2 per attacco pesante.

Qualche hitbox talvolta va a farsi benedire , un fendente sferrato col giusto timing ed alla giusta distanza , può clamorosamente andare a vuoto , ma il combat-system in generale è ormai collaudato dalle decine di titoli che hanno scelto di usufruirne e la resa , in termini di divertimento dell’utente, è stra-assicurata.

Forse Hellpoint ha provato anche ad “hardcorizzare” un pelino in più il tutto. Interessanti ma soprattutto per chi adora mettersi in gioco a livello estremo, le scelte in termini di checkpoints o brecce le quali appaiono leggermente più distanziate l’una dall’altra rispetto ai canonici souls standars, la reale e tangibile scarsità di oggetti curativi , la poca efficacia di danni procurati nelle fasi iniziali e non e la poca resa di tecniche ed orpelli difensivi.

Tutto ciò fa si che il giocatore adotti uno stile aggressivo verso i nemici ed abbandoni quasi da subito scudi e la costante pressione del tasto L1 ad esso associata.

Ottimo , a nostro parere , l’aspetto che riguarda invece l’esplorazione della Irid Novo ed il level design ad essa legato, ricompense , shortcuts , ma anche danni da caduta ottimamente bilanciati rendono l’esplorazione stessa molto appagante.

A questo proposito , Hellpoint porta con se anche quei vizi di fabbrica tipici dei souls che fanno sentire il giocatore oltremodo “smart”, eseguendo infatti un roll o capriola a seguito di un atterraggio calcolando il giusto timing , il danno da caduta non viene attribuito…roba preziosa per i futuri speedrunners del gioco (occhiolino, ndr) .

hellpoint meniac recensione 6

Anime… ah no… Assioni.

Essendo un Action-RPG in terza persona , il titolo rispecchia fedelmente le features che ci si aspettano dal genere.

I vari drops dei nemici in termini di armature ed armi , gli Assioni (nonchè anime se rapportate ai souls, ndr) utili per gli upgrades, le stazioni di aggiornamento e tecnologiche dislocate nel mondo di gioco , le funzionalità di teletrasporto da un punto all’altro della Irid Novo , le impronte verdi che ricalcano i messaggi tutorial dei Souls lasciate negli angoli della stazione spaziale , le impronte blu lasciate da altri giocatori in cerca di co-op ed i fantasmi che ci possono invadere per depredare i nostri assiomi.

Insomma, il piatto è ricchissimo , ma sfortunatamente non è nuovo.

Le bossfights propongono un ottimo livello di sfida e come di consueto vige la legge del muori e ripeti, affrontare un boss per alcuni tentativi permetterà di impararne e capirne i tipi di attacco per poter poi rispondere con le adeguate contromisure.

A livello artistico invece , i boss stessi , non ci hanno fatto propriamente bloccare la mandibola in termini di fascino.

In fin dei conti , non rimarranno a lungo impressi nella mente dei giocatori , vuoi per quanto detto poco fa , vuoi soprattutto per l’assenza di informazioni narrative legate ad essi , anticipate in apertura di articolo.

Ovviamente a dividere il campo di battaglia tra noi e questi ultimi ci sarà una specie di nebbia separatrice , in questo caso uno schermo di energia …c’era da aspettarselo no?

Va comunque dato atto che il budget di Cradle Games non è paragonabile in termini di dimensioni ed elasticità a quello che oramai dispone e dispongono le altre software houses del genere , ci sta quindi che un progetto come Hellpoint possieda un ottimo gameplay derivante da un combat system rodatissimo ed un level design ben congeniato che si sviluppa all’ interno di un’ ambientazione sempre affascinante come lo spazio ma paghi qualcosa parlando di innovazione , art design degli elementi che vanno a costituire il mondo di gioco e piccoli disequilibri e calibrazioni da fixare per rendere ancor più gradevole e meno grezza qualche situazione di gioco sia a livello visivo che tecnico.

Hellpoint potrebbe essere proprio la sfida e l’avventura che stavate cercando ma alla fine dell’avvincente corsa potreste finire col riporlo nel vostro vano degli oggetti dimenticati.

A voi la scelta.


Hellpoint meniac recensione 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *