Moonshadow, meraviglia di Idea Software

Consiglio vivamente di giocarlo, qualora non l’ abbiate mai fatto, perchè Moonshadow è un ottimo prodotto, sviluppato con cura e con una gameplay sfidante e accattivante.

Eclissi, serpenti ed eroi a petto nudo

Tra i tanti giochi che hanno reso il Commodore 64 immortale c’è sicuramente Moonshadow, gioco edito nel 1990 da l’ italianissima Idea e creato dal talentuoso Paolo Galimberti.

La storia di Moonshadow è semplice ma intrigante. Il satellite che dona vita e protegge il mondo in cui è ambientato il gioco sta per subire un’ eclissi da un’ altro satellite permeato da una forza oscura. Un grande serpente da enormi poteri malvagi sfrutterà l’ eclissi per far calare l’ ombra del male sul mondo. Starà quindi a noi cercare di uccidere il serpente prima che l’ eclissi sia totale.

Il gioco ha un gameplay che trae ispirazione da grandi classici come The Sacred Armour of Antiriad e Beyond The Ice Palace, riuscendo però a distinguersi e imporsi come uno dei migliori prodotti per C64. Il nostro personaggio non ha un nome e nemmeno un background;  sarà pronto, a torso nudo, ad immergersi nell’ impresa partendo da una foresta fino ad arrivare alla tana del temuto nemico, immersa nel fondo di un contorto labirinto di vecchie rovine.

150 schermate fisse in 2D, con esplorazione sia in verticale che in orizzontale, ci metteranno alla prova mentre ricercheremo gli oggetti capaci di farci avanzare. Ogni stanza sarà popolata da diversi nemici come pipistrelli, tentacoli che sbucano dal terreno, bulbi oculari fluttuanti, goblin, trappole di varia natura e altro ancora.

All’ inizio saremo armati di un pugnale da lancio ma avanzando nel gioco potremo acquisire nuove armi, sempre da lancio, come un’ ascia o un globo di luce magico. Inoltre otterremo anche preziose pergamene in grado di mostraci quanto della mappa abbiamo finora esplorato. I nemici nelle varie stanza saranno sempre posizionati allo stesso modo ma una volta sconfitti non respawneranno rendendo l’ eventuale backtracking molto più scorrevole.

Assolutamente da menzionare l’ HUD che in maniera sintetica ma molto efficace mostrerà i nostri punti vita, raffigurati da un pugnale che si avvicinerà sempre di più ad un cuore, le fasi dell’ eclissi, l’ arma e l’ oggetto equipaggiati e gli oggetti in nostro possesso ( max 6 ). Molto utile anche un testo scorrevole che descriverà il tipo di oggetto appena trovato, feature che, seppur in modo molto sintetico, sarà utile per capire l’ utilizzo dello stesso.

Il gioco è fluido e animato alla perfezione. I controlli sono responsivi e ben calibrati, eccezion fatta per il salire le scale ed eventualmente saltare dalle stesse. La grafica è piacevolissima con un buon uso della palette di colori e anche il level design è sviluppato con perizia. Bellissime le musiche che riescono ad immergere il giocatore nel ritmo e nell’ atmosfera di gioco.

Moonshadow commodore 64 meniac

Trial and Error

Di certo il tempo a disposizione non sarà poi molto e quindi saranno necessari svariati try prima di riuscire a sconfiggere il serpente nella sua tana. Inoltre il gioco non è proprio facilissimo e richiede molta dedizione.

Peccato che manchino quei dettagli che riescono ad immergere totalmente il videogiocatore nel mondo di gioco come il nome e la natura del protagonista e un finale degno. Infatti, una volta che si riuscirà ad uccidere il Serpente ci troveremo dinanzi ad una mera scritta bianco su nero e nulla di più.

Consiglio vivamente di giocarlo, qualora non l’ abbiate mai fatto, perchè Moonshadow è un ottimo prodotto, sviluppato con cura e con una gameplay sfidante e accattivante.

Peccato solo che non abbia goduto della giusta visibilità al tempo in quanto fu rilasciato nel periodo dell’ avvento del 16bit.

Augh.

Moonshadow commodore 64 meniac

Moonshadow commodore 64 meniac

3 pensieri riguardo “Moonshadow, meraviglia di Idea Software

  • Avatar
    Settembre 14, 2019 in 10:22 am
    Permalink

    Beh, almeno si spera che la spartana scritta finale fosse almeno grammaticalmente corretta a differenza di certi giochi del NES XDXD
    Comunque il gioco sembra figo.

    Risposta
  • Avatar
    Settembre 14, 2019 in 8:00 pm
    Permalink

    Ah, dice solo così?! Per la serie “grazie gioco, non lo avevo capito” Più conciso di quello ci sarebbe stato solo “you win” XD

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *