venerdì, Giugno 21, 2024
PS4 / PS5SWITCHVIDEOGAMES

Mad Rat Dead – La nostra recensione

Mad Rat Dead è un gioiello che non dovrebbe passare inosservato

C’era una volto un topolino…

Oggi parliamo di un gioco uscito quasi un anno fa ma che abbiamo avuto l’ enorme piacere di giocare soltanto nell’ ultimo periodo.

Parliamo di Mad Rat Dead, gioco distribuito da NIS America, che fonde sapientemente rythm-game a platform, con una veste grafica di assoluto spessore e un comparto audio strabordante.

Ma veniamo al dunque senza spendere troppi caratteri.

mad rat dead meniac recensione 2

Ritmo di vendetta

MAd Rat Dead mette in scena la rinascita di un topo di laboratorio che invece di andare nel paradiso dei topi, dopo il nefasto epilogo della sua vita, torna in vita grazie alla Divina Topina, in forma simil-zombie, per vendicarsi dei malvagi scienziati che lo hanno torturato per i loro esperimenti. Diciamo che la morale in questa storia c’è ed è anche molto forte direi.

Parliamo di un gioco frenetico, come d’ altronde dobbiamo aspettarci da un gioco basato sul ritmo. Dopo un incipit iniziale dove dovremo rispondere ad alcune domande in pieno stile rpg, verremo catapultati nel folle mondo di gioco.

Un tripudio di colori, texture hi-res e tutto squisitamente in 2D. Come riassumere: prendete Rayman Legends, metteteci dentro un gioco musicale e poi rivedete il design dei livelli e dei modelli come se foste sotto acido. Ecco, questo è Mad Rat Dead.

mad rat dead meniac recensione 1

Saltellando a suon di musica e che musica!

Il gameplay è semplice ma non per questo banale. Pochi tasti a corredo da memorizzare e orecchio pronto a carpire il beat. Più saremo precisi nel premere i tasti giusti e più avanzeremo senza colpo ferire.

Inoltre nel gioco è presente una meccanica di riavvolgimento del tempo, un po’ in stile ” le sabbie del tempo” che ci permetterà di potre andare indietro nello stage per ritentare un passo sfortunato.

All’ inzio si potrebbe rimanere spiazzati in quanto bisognerà entrare nel mood che è l’ orecchio a comandare e non la nostra abilità da platformers.

Non so se sono stato chiaro ma questo è in quanto la logica del gioco è qualcosa che va fuori la logica del ” classico “ e questo è un plus non da poco.

A questo aggiungete un bel pizzico di sano spirito Arcade, con un nefasto timer a scandire ogni nostra mossa e che ci peserà sulle spalle non poco, mettendoci il giusto pepe.

Vien da se che riuscire a stare sul tempo sarà la chiave della nostra avanzata.

Veniamo quindi al vero fiore all’ occhiello della produzione, l’ OST. Si spazia dall’ elettronica al jazz, passando per il folk. Inosmma, una vera gioia per le orecchie. Il tutto è contestualizzato con i vari livelli, rendendo l’ esperienza di gioco piacevolissiam e molto immersiva.

Chiudo qui, non voglio aggiungere altro se non di dargli una chance.

Mad Rat Dead è un gioiello che non dovrebbe passare inosservato.

Augh.


mad rat dead meniac recensione 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *