Quattro doverose chiacchiere su Pillars Of Eternity

D&D diceAd azione segue reazione. Causa-effetto. Non si scappa.

I buoni vecchi Rpg di una volta

Pillars of EternityIl genere dei cRPG ( computer role playing game  ) è stato molto diffuso a fine anni ’90/primi 2000 . Io stesso sono rimasto folgorato dai titoli dell’ epoca e mi sono perso all’ interno di capolavori senza tempo quali Baldur’s Gate, Icewind Dale, Planescape: Torment e i primi due Fallout. Poi lentamente con il passare degli anni questo genere è stato sempre meno battuto, preferendo il genere action RPG  al classico gioco di ruolo.

Ma nel 2015 ci fù il miracolo. Obsidian rilasciò Pillars Of Eternity su PC, per poi nel 2o17 farlo approdare anche su console, con tanto di DLC inclusi. Ed ecco che mi sono rituffato ancora una volta nel meraviglioso mondo dell’ isometria poligonale con contorno di pixel.

I pilastri dell ‘eternità. Già solo il titolo è suntuoso e sembra sottolineare l’ importanza storica e l’ immortalità del genere.

Senza essere troppo minuzioso nel dettagliare meccaniche, grafica e ogni cavillo tecnico cercherò di evidenziare le cose che più continuano a colpirmi di questo gioco.

Le regole di Obsidian

Pillars of EternityIn primis il sistema di regole che Obsidian ha scritto ad-hoc per POE, senza basarsi su i ruleset di D&D visto che la software house non ha i diritti per utilizzarli. Tutto scorre liscio. I fondamentali si acquisiscono dopo pochissime ore e il livellamento dei personaggi, i talenti e naturalmente le caratteristiche di stato crescono con l’ avanzare dell ‘avventura e con la scoperta di nuovi luoghi, missioni e nemici. Quindi niente backtracking ossessivo per guadagnare esperienza. Niente respawn di nemici in zone gà battute e pulite. Personalmente amo questo tipo di leveling in quanto ti tiene sempre sul filo del rasoio. In ogni nuova zona il proprio party sarà sempre in linea con la difficoltà che lo attenderà rendendo il gioco molto sfidante e impegnativo. Anche l’ RNG ( Random Number Generator ) è piuttosto bilanciato e tiene ben conto di ogni fattore in gioco.

Non c’è Rpg senza storia

Pillars of EternityAltro fiore all’ occhiello, e necessario come non mai, è la storia che il titolo passo dopo passo ci racconterà. Pillars Of Eternity è un gioco truce, cupo, pieno di disperazione ma anche di luminosa speranza. La narrazione scorre benissimo. Tutto è chiaro e ben collegato. Le storie degli NPC e dei membri del party si fondono perfettamente con la quest-line principale tessendo così una solida tela piena di sfumature e colori differenti.

Pillars of EternityLa caratterizzazione dei personaggi poi è straordinaria. Per ognuno ci sono delle quest personali da poter seguire e completare. Se siete avvezzi al genere avrete già capito che il rapporto e conseguentemente il rendimento dell’ alleato all’ interno del gruppo varierà a seconda del successo o del fallimento della sua missione personale. Tutto è collegato. Ogni singola frase e ogni singola risposta. Ad azione segue reazione. Causa-effetto. Non si scappa. Questa dinamicità è il fulcro dell’ evoluzione della propria corsa.

Tutto nelle nostre mani

Pillars of EternitySe decideremo di dare una mano ad una delle fazioni presenti nel gioco le altre non ci vedranno di buon occhio. Questo minerà la possibilità di sbloccare altre tipologie di missioni oppure di poter acquistare da determinati mercanti a buon prezzo. Potremmo essere attaccati nei momenti più inaspettati da bande di mercenari senza scrupolo e via dicendo. Anche i bivi decisionali sono molto profondi e scavano solchi indelebili nell’ avanzare della nostra avventura. Immancabili anche le prove di forza che vanno a sancire determinate esplorazioni estemporanee o modi alternativi per risolvere un determinato evento.

La corretta gestione delle abilità del gruppo e degli equipaggiamenti sarà fondamentale per riuscire ad avere la meglio anche quando tutto sembra perduto. Sperimentare le varie combinazioni di bonus, magie, evocazioni, attacchi e talenti melee sarà la chiave del successo in situazioni dove la prima esclamazione che uscirà dalla vostre labbra sarà “Oh mio Dio!”.

Il pilastro dei videogames

Pillars of EternityL’ universo di Pillars Of Etrnity si espande con due DLC ( the White March I e II ) che aumentano notevolmente il coinvolgimento del giocatore.Vi consiglio vivamente di intraprenderli prima di arrivare alla fase finale della main-quest in modo da goderveli come se facessero parte di un unico tappeto narrativo.

Se non avete giocato Pillars Of Eternity non ve lo fate sfuggire anche perchè per PC lo trovate a prezzi veramente stracciati.

A breve arriverà sugli scaffali il tanto atteso Pillars Of Eternity II: Deadfire. Quindi rimboccatevi le maniche, scaldate mouse o joypad e gettatevi in questa meravigliosa avventura senza tempo che vi terrà impegnati per circa 70 ore di gioco.

Il destino delle anime vi attende.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *