Descent: cercando Kildarh – Kindred Fire #3

!!! Può contenere spoiler !!!

zombieQuello che si prospettava era molto più complesso di quanto immaginassero.

 

 

 

{ Terzo episodio narrativo basato sulla campagna Kindred Fire di Descent – seconda edizione }

[ EPISODIO PRECEDENTE ]

Cascata di mostri

Descent second edition kindred fireIl frastuono prodotto dalla vicina cascata è assordante.

Il Merriod arrota i denti e tende in muscoli in posizione di attacco.

Grisban si strizza la folta barba, ormai fradicia a causa degli spruzzi prodotti dall’ imponente muro d’ acqua, per poi lanciarsi all’ attacco della creatura.

Si sposta verso sinistra e colpisce il nemico con un preciso tiro d’ arco. Il Merroid sembra però ignorare il nano e si dirige sbavando verso Ashrian, chiudendola in un angolo senza via d’ uscita.

L’ immane bestia attacca con ferocia ma fallisce malamente aprendo quindi una golosa possibilità di attacco da parte della scaltra elfa.

Ashrian quindi non esita e assesta dei colpi pesanti facendo crollare a terra il Merroid.

Descent second edition kindred fireNel frattempo il gruppo di goblin arcieri è avanzato e attacca Grisban, vista la posizione in cui si trova. Il nano però non si fa intimorire e fa fuori subito due dei quattro arcieri che, vista la perdita subita, indietreggiano per recuperare forze.

I Due quindi si lanciano verso l’ ingresso della struttura, struttura nella quale dovrebbe dimorare il fuggiasco Kildarh.

Senza indugio falciano i restanti Goblin.

Tutte le minacce presenti all’ esterno sono state debellate. Ashrian con fare deciso apre la porta rivelando un lunghissimo corridoio dove diverse porte sono ben serrate su entrambe i lati.

” Da dove iniziamo ?” domanda l’ elfa al nano.

” Semplice” risponde lui .

” Si iniza sempre dalle porte dalle quali si sente provenire aria. “

Porte, porte e ancora porte

Descent second edition kindred fireE mentre i due conversano e prendono decisioni ecco che dal fondo del corridoio fa la loro apparizione un gruppo di Zombie. Improvvisamente scompare anche il rumore emesso dalla cascata. Sembra quasi che si sia di colpo gelata, fermata nel tempo.

” Qui c’è lo zampino di Merick “ sentenzia Grisban con fare agitato.

Da lontano un urlo riempe l’ aria. E’ il chiaro segno che un altro Merroid è appena arrivato e sarà sicuramente assetato di sangue.

Non c’ è tempo da perdere. Cosa fare?

Sinistra? Destra ? Diritti in fondo al corridoio ?

Quello che è certo è che le minacce sono su ogni lato libero. Ashrian, incuriosita da una grata senza fermi al centro del pavimento, prova a verificare se c’è qualche cosa di utile.

Non appena infila la mano nel buco viene avvinghiata da putrescenti e viscide mani. Riesce a malapena a liberarsi, non senza aver subito danno.

Descent second edition kindred fire” Questo posto è maledetto. Non indugiamo oltre e proviamo ad aprire una di queste dannate porte.”

Le parole del nano spronano Ashrian ad aprire la prima porta alla sua sinistra, porta dalla quale spiffera aria calda.

Quello che si prospettava era molto più complesso di quanto immaginassero.

Un gruppo di ragni delle caverne sta prosperando su dei resti ormai putridi di un qualcosa di non ben identificato e in lontananza si intravedono le figure di due mutacarne.

La situazione è si va veramente complicata.

Il gruppo di Zombie avanza da destra, il merroid da sinistra. Davanti ragni e sacerdoti del sangue.

Grisban affetta due zombie per poi correre verso la compagna che nel frattempo sta fronteggiando i ragni.

Descent second edition kindred fire Descent second edition kindred fire

 

 

 

 

 

Gli aracnidi attaccano rapidi e portano a segno diversi colpi, avvelenando anche la povera Ashrian.

L’ arrivo di Grisban è provvidenziale. Il nano, anche se molto provato dagli scontri precedenti, riesce a sconfiggere i ragni, dando il tempo ad Ashrian di proseguire verso la stanza successiva.

Non appena l’ elfa mette piede in quella che sembra una vecchia dispensa un grido di uomo giunge alle orecchie degli avventurieri.

” Deve essere Kildarh. Merick sarà arrivato e lo starà torturando. Cerchiamo di andare subito a liberarlo. Ignoriamo i nemici e cerchiamo di irrompere nella stanza”.

Descent second edition kindred fireIl piano di Ashrian è semplice e chiaro.

I mutacarne però non la pensano come lei e iniziano subito ad attaccare, cercando di proteggere il loro oscuro signore. Ashrian e Grisban tentano quindi di raggiungere la porta di destra, combattendo i mutacarne, ma una volta raggiunta scoprono che è sigillata da una barriera magica.

Ashrian sfiora la barriera e immediatamente il suo braccio viene ricoperto da una luce incandescente. L’ elfa urla dal dolore. E’ come se le ossa le esplodessero.

Cade a terra dolorante per le ingenti ferite subite. Grisban allora prende tempo con i nemici che stanno avanzando per permettere ad Ashrian di recuperare le forze.

Ashrian si rialza. La barriera sulla porta è scomparsa.

Con una smorfia di dolore in volto gira il pomello di ferro arrugginito. Merick Farrow è chino sopra al corpo indifeso di Kildarh e sta torturando il fuggitivo cultista.

Non appena avverte la presenza dei due avventurieri Merick si volta rapido, e dopo aver biascicato parole di minaccia, evoca due Esseri Elementali, pronto per fare a pezzi gli intrusi.

Descent second edition kindred fire Descent second edition kindred fire

 

 

 

 

 

 

Parola d’ ordine : Attacco

L’ obiettivo da perseguire per gli eroi è chiaro: Attaccare Merick cercando di far fuori almeno un Elementale in quanto il maligno luogotenente è in grado di recuperare energia da questi esseri.

Il primo elementale cade senza troppi problemi ma l’ ultimo Zombie rimasto attacca alle spalle Grisban infliggendo danni consistenti.

Il nano è vicino alla resa. Ancora un colpo e sarà la fine per lui.

Descent second edition kindred fireAshrian nel frattempo ingaggia una feroce schermaglia con Merick, infliggendo danni e stordendo l’ opponente.

Grisban quindi attacca furiosamente lo Zombie per poi sfruttare un secondo attacco su Merick, il quale essendo stato precedentemente stordito, non ha la forza di attaccare.

E’ qui che Ashrian affonda impietosi attacchi su Merick, coadiuvata da un colpo pesante portato a termine da Grisban.

A questo punto Merick agguanta Ashrian per una gamba e la fa cadere all’ indietro, travolgendo Grisban nella caduta.

Appena i due si rialzano Merick non c’è più. Con lui sono scomparsi anche gli altri mostri.

I due escono di gran fretta dall’ edificio e in lontananza dinanzi a loro scorgono la figura di Kildarh, che riconoscendoli, li saluta in segno di ringraziamento, mentre sul lato ovest notano i chiari segni del passaggio di Farrow.

” Andiamo a stanare quello strozzacapponi “ annuisce il nano.

Ashrian, ancora dolorante dalla battaglia, si siede in terra, guarda il compagno e risponde :

” Prendi i cavalli e torniamo a Talamir. Abbiamo bisogno di riposo e addestramento “.

Dopo un paio di giorni di viaggio raggiungono Talamir.

Si dirigono subito alla locanda in cerca di un letto e qualcosa da mettere sotto i denti.

Storie di Draghi

Mentre stanno azzannando un pollo alla brace e sorseggiando birra si avvicina loro un ranger che esordisce : ” Avete l’aria di essere degli impavidi avventurieri. Se così fosse avrei qualcosa di adatto a voi “.

” Sputa il rospo gallinaccio “ risponde Grisban mentre prova a togliersi alcuni rimasugli di carne tra i denti con un pugnale.

Il losco figuro racconta di un drago, un drago avvistato nell terre dell ‘est. Sembra che l’ antica creatura abbia devastato un’ intera zona e come tutti ben sanno potrebbe avere tra le zampe un tesoro non indifferente.

” Ho voglia di spezzatino di lucertola! “ risponde Grisban piantando il pugnale sul tavolo.

Ashrian annuisce. Potrebbe esser l ‘occasione per guadagnare qualche oro extra da investire in equipaggiamento prima di fronteggiare ancora Merick.

Il ranger dice loro che non sarà difficile trovare la creatura in quanto ha lasciato dietro di se i segni del suo passaggio, furia e distruzione. Si offre anche di accompagnarli.

L’ indomani, dopo un meritato riposo, Ashrian, Grisban e il ranger si mettono in cammino alla ricerca del drago ma non appena sembrano essere arrivati al luogo dove la belva potrebbe risiedere la loro guida se la da a gambe.

” In bocca al drago e ricordatevi di me “ grida il ranger che ormai è a diversi passi di distanza.

” Quando torneremo a Tamril dormirò su un materesso di ossa, ossa di ranger “ esclama il nano mentre segue con lo sguardo lo svanire dell’ individuo all’ orizzonte.

” Grisban, lascia stare. Abbiamo compagnia. “

” Per le grinfie di Teumotath. Mutacarne ! Ashrian qui si mette male “

Descent second edition kindred fire Descent second edition kindred fire

 

 

 

 

 

 

Non è più tempo di chiacchiere.

I segni del passaggio del drago sono evidenti. Ci sono tracce fresche a terra che si dirigono oltre i due mutacarne.

Non c’è mai tregua per gli eroi.

 

magic merchant banner_acquisto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *