Pandora Box DX Special – La nostra recensione

Un ottimo prodotto in grado di soddisfare i retrogamers più esigenti

E Special sia!

Abbiamo toccato con mano la Pandora Box DX Special, versione 2.0 della DX, ed ecco a voi le nostre impressioni generali.

Nello specifico abbiamo provato la versione Home – ricordiamo che è disponibile anche la versione Arcade che include anche il supporto Jamma PCB per essere istallata su cabinati e bartop.

Ci teniamo anche a precisare che si tratta della Pandora originale, prodotta dalla A3 Game Electronic Technology.

Pandora Box DX Special si presenta con uno sgargiante colore rosa, con dimensioni simili alla DX.

Cosa cambia allora rispetto alla DX? Vediamo le specifiche tecniche, almeno quelle più cicciose.

Cosa nasconde questa piccolina?

Pandora Box DX Special – Home version – monta un processore Quad-core Cortex-A7 da 1.5GHz affiancato ad una GPU Mali – 450MP2, 2GB di RAM DDR3 da 1866MHz, slot interno per scheda MicroSD ( TF ), 3 prese usb 2.0, soundcard con supporto surround 5.1, alimentazione DC 12V/2A.

L’ uscita video supporta sia l’ HDMI sia il VGA, con rispettavimente le seguenti risoluzioni massime:

HDMI: 1280×720 ( 720P) con trasporto audio

VGA: 1280×720 / 640×480

Il peso netto della Box è di 0,35KG.

Gli improvement di questa versione 2.0 riguardano la stabilità generale del sistema, un frame rate roccioso, maggiore velocità di esecuzione, un sistema di save-state più evoluto, registrazione degli highscore, switch rapido tra i giochi grazie ad un secondo menù di selezione dei titoli, ottimizzazioni generali per quanto riguarda la risoluzione su televisori moderni e maggiori opzioni di ricerca dei titoli nel catalogo grazie ad una categorizzazione più accurata.

E’ stato migliorato anche il supporto ai Joystick/Joypad/Arcade Stick. Ora più del 90% dei modelli è supportato.

I vari menù sono ben organizzati e facili da navigare, compresi quelli delle impostazioni di personalizzazione avanzate che permettono il mapping dei tasti dei controller connessi ( max 4 controller ), opzioni video e qualità di output che comprende anche possibilità di smoothing dei pixel, opzioni di emulazione Scanline CRT, opzioni di simulazione di Arcade con tanto di personalizzazione del timer di Insert Coin e altro ancora.

E’ anche possibile intervenire sulla difficoltà dei giochi, il numero di vite, i crediti, il listing dei titoli nascondendo quelli che proprio non vogliamo visualizzare e organizzare i giochi per categorie quali fighting, puzzle, azione, sport, 3D, multi giocatore etc etc.

Veniamo al dunque

Il nostro provato è stato più che positivo.

Non abbiamo riscontrato alcun lag o tearing che dir si voglia. L’ esperienza complessiva è stata fluida e molto user-friendly.

Sia connettendo un arcade stick, sia un pad snes-style di medio-bassa fattura e in ultimo un controller PS3, siamo riusciti a giocare tutto senza alcun problema di input-lag, reattività e compatibilità.

Dopo circa 3 ore di gioco continuo la box risultava ancora tiepida, senza escursioni di surriscaldamento importanti.

La lista dei giochi è imponente e nulla vieta di poter aggiungere ulteriori titoli a proprio piacimento. Il supporto alle rom è molto esteso, fino a comprendere titoli PS1 con supporto al 3D.

In ultimo la qualità dell’ audio che è superlativa, veramente superlativa.

Segnaliamo doverosamente, che le lingue di sistema supportate sono l’ inglese, il koreano e spagnolo.

Che dire, un ottimo prodotto in grado di soddisfare i retrogamers più esigenti.

Se interessati all’ acquisto, sia della verione Home che di quella Arcade, vi invitiamo a seguire questo LINK, che vi porterà sullo shop ufficiale di A3 Game.

Augh.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.