venerdì, Giugno 21, 2024
BOARDGAMES

Starship Captains – La nostra recensione

Consigliato? Se amate i giochi a tema Sci-fi che includono esplorazione e gestione della nave, direi proprio di si.

Non c’è nave senza un Capitano!

Eccoci pronti a sviscerare le nostre impressioni su Starship Captains, gioco di Czech Games Edition ( designer: Peter B. Hoffgaard ) ed edito in italiano da Cranio Creations ( 1-4 giocatori / 12+ ).

Noi abbiamo messo le mani sulla versione in inglese di questo tiolo a tema sci-fi, fornitaci gentilmente da CGE, che ci vedrà impegnati nel ruolo di giovani capitani al comando di una sgangherata nave spaziale, con l’ intento di guadagnare fama grazie alle nostre imprese.

Ma veniamo al sodo.

starship captains meniac recensione 7

Diario del capitano….

Cercare di riassumere il flusso di gioco non è semplice, anche se le regole di Starship Captains non siano poi così complicate. Cercheremo quindi da fare un sunto delle regole core del gioco.

Il setup è nella media in quanto sarà necessario preparare il tabellone centrale, che illustra l’ universo a nostra disposizione, secondo le indicazioni fornite dal regolamento, i mazzi missione, i mazzi tecnologia alpha, beta e omega, le plance giocatore e i vari token/pedine a corredo.

Ogni plancia giocatore inizialmente conterrà 6 membri dell’ equipaggio e un 1 cadetto. I membri dell’ equipaggio saranno suddivisi in 3 colori, rosso, giallo e blu mentre i cadetti saranno grigi. I vari colori identificheranno la specialità di ogni pedina. I membri dell’ equipaggio attivi ad inizio partita saranno un membro rosso, uno giallo, uno blu e uno grigio e saranno posizionanti nella sala comando della nostra astronave. I restanti 3 saranno invece inseriti in una coda e saranno disponibili al prossimo turno.

Il rosso potrà attivare il movimento della nostra nave, il giallo sarà responsabile degli attacchi, il blu sarà il ricercatore scientifico e quindi sarà colui che potrà beneficiare delle tecnologie messe a disposizione, il grigio invece potrà dedicarsi a riparare i danni.

Ad ogni turno i giocatori, in senso orario a partire dal primo giocatore, sceglieranno quale membro utilizzare, attivando così l’ azione che ne consegue.

Ad azione completata, il membro dell’ equipaggio utilizzato andrà in coda. Quando tutti avranno utilizzato i propri membri, il turno terminerà.

A questo punto la sala comando verrà ripopolata di equipaggio utilizzando i membri in coda, tenendo bene a mente che dovranno esserci in coda sempre 3 membri.

Le azioni

Azione rossa: Ci permette di muovere la nostra astronave per due spazi sulle rotte disegnate sulla plancia centrale. Lo spostamento ci permetterà di raggiungere spazi dove sono attive le varie missioni di gioco, oppure potremo beneficiare delle stazioni spaziali e dei loro bonus.

Azione Gialla: si può sparare ad una nave Pirata – già ci sono i pirati spaziali. Colpendo una nave pirata, che sarà sempre un successo, guadagneremo le risorse che sono rappresentate sopra di essa, compreso il token Pirata appena abbattuto.

Azione Blu: potremo scegliere una carta tra quelle disponibili sul mercato, beneficiando così dell’ effetto descritto sulla carta scelta.

Azione Grigia: eliminiamo un danno dalla nostra astronave, aumentando così la capacità di carico oppure l’ inserimento di nuove tecnologie.

Le missioni

Una volta che la nostra astronave avrà raggiunto uno spazio contenente una missione potremo risolverla. Ogni missione conterrà diverse ricompense ma per risolverle positivamente dovremo posizionare negli appositi spazi dei membri dell’ equipaggio dello stesso colore indicato dalla ricompensa. Quindi se la missione presenta due ricompense, una marcata rossa e una marcata gialla, dovremo utilizzare due membri dell’ equipaggio degli stessi colori. Se ciò avverrà beneficeremo di entrambe le ricompense altrimenti anche di una sola oppure nulla. Ogni carta missione poi verrà trattenuta dal giocatore che l’ ha risolta in quanto conterà come punti partita.

Medaglie e Diplomazia

Durante io corso della partita potremmo ottenere delle medaglie. Queste potranno essere spese per promuovere un cadetto ad un altro colore ( 1 medaglia ) oppure promuovere un membro dell’ equipaggio a comandante ( 3 medaglie ). Promuovendo un cadetto aumenteremo le possibilità di azioni rosse, gialle e blu mentre promuovendo un membro dell’ equipaggio a comandante permetteremo a quello specifico membro di eseguire un’ azione aggiuntiva durante la sua attivazione – es. potrà ripetere una missione oppure la stessa azione.

Sempre durante il corso degli eventi in gioco e tramite la risoluzione di missioni o carte tecnologia, potremmo spendere punti per aumentare la nostra influenza diplomatica su tre plance specifiche. Muovendo il nostro token su queste plance acquisiremo bonus e punti.

starship captains meniac recensione 1

Androidi

Sempre durante le nostre scorribande potremo guadagnare degli androidi. Gli androidi potranno essere usati come Jolly per le missioni in quanto potranno assumere qualsiasi colore si renda necessario alla risoluzione della carta missione.

Tempo di Pirati

I Pirati. Oltre a popolare fin dall’ inizio il tabellone di gioco, i nostri malfattori spaziali torneranno in gran lena ogni volta che uno specifico countdown arriverà a zero.

Come funziona il countdown: durante la preparazione del tabellone centrale, verranno posizionati dei token con un numero ( da 1 a 6 al massimo dei giocatori ). Ogni volta che una missione sarà risolta, il token con il numero più grande verrà girato e sarà spostato dal suo spazio attuale sul tabellone a quello della missione appena conclusa. Nello spazio precedentemente occupato dal token verrà invece posizionata una nuova missione pescata dall’ apposito mazzo. Quando l’ ultimo token sarà stato girato, il countdown sarà arrivato a zero e i Pirati scenderanno sul campo stellare, andandosi a posizionare sulle rotte del loro stesso colore, se libere. Sconfiggere i pirati ci donerà delle risorse e il rispettivo token andrà ad occupare uno spazio nella nostra zona cargo.

Risorse

Acquisiremo alcune risorse, di colore differente, anzi bicolore. Le risorse andranno “storate” negli appositi spazi cargo della nostra astronave, se gli spazi non saranno tutti occupati oppure danneggiati. Una volta acquisite le risorse, se queste potranno essere combinate tra di loro perchè condividono lo stesso colore, potremo attivare gratuitamente l’ azione corrispondente.

I danni

La nostra nave, come detto in precedenza è sgangherata. Ha danni sia alla parte cargo sia negli slot di alloggiamento delle tecnologie. Come riparare i danni lo abbiamo già scritto precedentemente ma potremo comunque subirne di altri, ad esempio attraversando una rotta dove è presente un pirata senza averlo prima attaccato oppure risolvendo alcune missioni.

Non c’è limite all’ accumulo di danno.

Tecnologia

Acquisendo carte tecnologia aumenteremo le nostre possibilità. Le carte tecnologia andranno posizionate in un’ apposito tracciato, uno per giocatore, che mostrerà alcune icone prestampate. Far combaciare le icone presenti sulle carte tecnologie con quelle presenti nel tracciato oppure facendo combaciare due icone dello stesso tipo tra due carte adiacenti, attiverà uno specifico bonus.

Fine dei giochi spaziali.

Il gioco dura in tutto 4 round. All’ inizio di ogni round i capitani di ogni nave riceveranno alcuni bonus come rifornire le stazioni oppure acquisire nuovi cadetti pronti ad essere impiegati per riparare o per essere promossi in caso si abbiano medaglie a disposizione.

Alla fine del 4 round si va alla classica conta dei punti in base a:

– Punti ottenuti dalle missioni completate
– Punti ottenuti nei tracciati delle fazioni
– Punti delle carte tecnologia Omega
– 1 punto per ogni comandante, androide e token pirata presente negli spazi cargo
– 1/2 punto per ogni medaglia non spesa e risorsa negli spazi cargo
– 1 punto in meno per ogni danno ancora in essere.

Chi avrà totalizzato più punti sarà naturalmente il vincitore.

In soldoni…

Cavolo, questo Starship Captains ci ha sorpreso. Troviamo che sia un ottimo competitivo nonostante l’ iterazione tra giocatori sia veramente bassa, al netto del soffiare da sotto al naso ad altri la carta tecnologia tanto bramata o la missione su cui volevano posare le loro grinfie.

E’ il classico gioco dove saper gestire in maniera attenta le proprie azioni, tenendo conto di cosa andremo a spendere e di cosa andremo a guadagnare al prossimo turno, sarà la chiave di volta.

La previsionalità delle missioni, data dal sapere in anticipo dove comparirà la prossima carta e la gestione della coda, che è sotto il nostro controllo in quanto saremo noi artefici di come si popolerà, rende il gameplay intrigante e complesso al punto giusto, senza chissà quale spremuta di meningi ma comunque a tratti impegnativo nel cercare di non sprecare azioni e portare sempre un guadagno, o in termini di punteggio o in termini di bonus.

starship captains meniac recensione 8

A livello di scalabilità non abbiamo riscontrato alcun problema. Il gioco offre anche una modalità in solitario ma in estrema sincerità non l’ abbiamo provata, quindi non sappiamo dirvi con certezza quanto il gioco giri bene in solo.

I materiali sono buonissimi. Anche se la plancia centrale non offra chissà quante possibilità è giusta, in termini di spazio, per quanto il gioco offre, senza rimanere mai troppo stretta ne troppo larga. Inoltre si divide in due facce da scegliere a seconda del numero di giocatori.

Anche i tracciati delle carte tecnologia presentano due facce, garantendo così varietà durante il setup di ogni nuova partita.

Bellissime le plance giocatore in 3D, passatemi il termine, che presentano incavi e tracciati scolpiti al fine di posizionare token e gestire il flusso coda-sala comando.

Le carte presentano illustrazioni molto gradevoli e tutta l’ iconografia, una volta presa la mano con il gioco, risulta efficace e intellegibile.

Molto carina l’ idea delle astronavi rappresentate da token ad incastro che andranno a comporre la nostra pedina sul tabellone.

In parole povere tutto è molto curato.

Mettiamola così: avete presente Star Trek? Ok… questo Starship Captains prende molto spunto dalle avventure e dai viaggi di James T. Kirk e compagni, ricreando una sorta di 4X molto molto molto molto light, con poca interazione ma molta strategia applicata individualmente.

Consigliato? Se amate i giochi a tema Sci-fi che includono esplorazione e gestione della nave, direi proprio di si.

Per i vostri acquisti vi consigliamo MagicMerchant.itil Mega-Store online di Giochi da Tavolo, di carte e di Ruolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *