Warhammer Underworlds : Shadespire – La nostra recensione

warhammer underworlds shadespire meniac …è proprio l’ immediatezza che rende questo titolo un ottimo prodotto nel genere, un gioco veloce che ben si adatta anche agli scenari da torneo.

 

Age of Sigmar Arena

Era da diverso tempo che adocchiavo questo gioco. L’ universo cupo e violento di Warhammer ha sempre avuto un grande fascino su di me e quando ho saputo che Games Workshop aveva rilasciato un arena game “light” ( passatemi il termine ) ambientato nell’ età di Sigmar la piccola scimmia ludica mi ha abbracciato e non mi ha mollato più fino a che non mi sono deciso di acquistare il gioco.

warhammer underworlds shadespire meniacWarhammer Underworlds : Shadespire, come già detto, è un arena game light dove 2 giocatori ( scalabile fino a 4 aggiungendo un altro set base ) si daranno battaglia.

Perchè light? Una partita a Shadespire si risolve in circa 30 minuti, un tempo molto contenuto. Il gioco ha regole semplici ed immediate da padroneggiare e anche il setup richiede pochissimo tempo.

Visto che stiamo parlando di Games Workshop inizierei parlando dei materiali. Le plance di gioco, 2 con 2 facciate l’ una, sono di cartone spesso e resistente ed evidenziano in maniera chiara gli spazi esagonali di movimento nonostante l’ artwork di sfondo sia piuttosto complesso e con molti elementi decorativi. Anche i token sono naturalmente spessi e robusti. Le carte sono di buona qualità e ben organizzate negli spazi e nelle descrizioni. A questo aggiungiamo un set di D6 custom e due “bande da guerra”, ovvero il set di miniature.

Il set base comprende due fazioni: I Campioni di Steelheart ( Stromcast Eternals Liberators ), guerrieri dal cuore nobile e ben corrazzati e I Predoni di Garrek ( Khrone Bloodbound Bloodreavers ), una banda di violenti predoni saccheggiatori votati al caos.

warhammer underworlds shadespire meniacInteressante l’ assemblaggio delle miniature che non richiede alcun tipo di colla ma si montano tramite incastri seguendo delle semplicissime istruzioni. Il dettaglio è molto piacevole e ogni miniatura rispecchia bene il contesto d’ appartenenza.

Unica pecca: il peso. Le miniature risultano molto leggere e questa leggerezza da l’ impressione di fragilità. Se poi teniamo conto che la scatola del gioco non ha alcun inserto o scomparto per riporle allora il terrore che si possano in qualche modo rovinare aleggia pesante.

Il fulcro centrale del gameplay risiede nelle carte. Già, le carte, vero motre di gioco. Shadespire punta molto sul deck building. Ogni fazione avrà il suo mazzo di almeno 20 carte comprendente carte potere, divise in carte stratagemma e carte miglioria, e carte obiettivo. Le carte stratagemma permetteranno di eseguire diverse azioni immediate, le carte miglioria andranno a potenziare le statistiche di offesa e difesa della nostra banda mentre le carte obiettivo sigleranno i nostri impegni nell’ arena. Inoltre è compreso un mazzo extra per permettere la personalizzazione del proprio deck ( altrimenti che deck-building sarebbe ? , ndr ).

Molto interessante anche l’ incipit narrativo che ci immerge nel mondo di gioco in modo molto coinvolgente narrando gli eventi della città di Shadespire e della sua maledizione ad opera di Nagash, Signore della Non morte.

Ora non starò qui a dettagliare ogni singola regola del gioco ma cercherò di sintetizzare il modello di gameplay applicato a questo titolo.

warhammer underworlds shadespire meniac warhammer underworlds shadespire meniac

 

 

 

 

 

 

Il gameplay in breve

Il gioco è composto da 3 turni e ogni turno consta di quattro attivazioni per giocatore. Ogni attivazione corrisponde ad una mossa o scelta di ogni giocatore quali muoversi, attaccare, mettersi in guardia, caricare, pescare una carta, sostituire una carta obiettivo o semplicemente passare. Dopo ogni attivazione c’ è sempre una fase chiamata ” Passo Potere ” nella quale si potranno giocare carte stratagemma o applicare migliorie.

warhammer underworlds shadespire meniacAlla fine dei quattro turni di attivazione di ogni banda da guerra ( attivazione + passo potere ) si arriverà alla fase finale del turno nella quale si controlleranno le carte obiettivo per determinare se possiamo considerare terminata una delle nostre missioni, applicare altre migliorie e rimpolpare le carte in mano, sia carte potere ( almeno 5 in mano ) sia carte obiettivo ( devono essere sempre tre ).

Perchè in Shadespire non bisogna soltanto pensare a massacrare l’ avversario ma la vittoria sarà determinata dall’ ammontare di punti gloria guadagnati, i quali si otterranno portando a termine gli obiettivi. Va sottolineato che gli obiettivi potranno essere conseguiti in diversi momenti a seconda della tipologia degli stessi : durante i turni di attivazione, nella fase finale di ogni round oppure in determinate fasi ben definite.

Questa caratteristica dona una buona dose di strategia e imprevidibiltà al tavolo rendendo ogni partita sempre piuttosto varia.

Di certo le mazzate non mancheranno e ogni esito di scontro sarà dettato dall’ implacabile lancio di dadi i quali determineranno successi e fallimenti.

warhammer underworlds shadespire meniacOgni personaggio delle bande da guerra avrà le proprie caratteristiche di movimento, attacco, gittata e difesa e per ogni banda da guerra ci sarà la possibilità di far ” esaltare ” i propri membri al verificarsi di una determinata condizione rendendo il guerriero di turno molto più robusto o letale. Inoltre se durante le fasi di attacco o difesa ci saranno in caselle adiacenti dei nostri compagni allora potremo avvalerci del loro aiuto sommando nei risultati anche i simboli di supporto eventualmente presenti sui dadi.

In estrema sintesi questo è quanto il gioco propone: deck bulding con salsa di mazzate. Ci sarebbero molte altre cose da dettagliare ma per questo ci sono i manuali di gioco.

Il tutto pottebbe apparire semplice e piuttosto scarno ma vi assicuro che al tavolo, prendendo confidenza con il proprio mazzo e con la banda da guerra controllata si passarenno diverse ore a giocare e rigiocare. Il timing contenuto di ogni scontro porta immediatamente a ” ne facciamo un’ altra ? “ e questo è assolutamente un plus di cui tenere conto perchè il gioco coinvolge e convince fin da subito, creando la giusta atmosfera con una buona dose di sfida, con partite spesso vinte o perse per un punto o poco più.

Perchè è proprio l’ immediatezza che rende questo titolo un ottimo prodotto nel genere, un gioco veloce che ben si adatta anche agli scenari da torneo.

warhammer underworlds shadespire meniac warhammer underworlds shadespire meniac

 

 

 

 

 

 

Ci piace o non ci piace ?

Personalmente adoro questo gioco. Mi piace molto come risulta al tavolo in quanto ordinato e ben organizzato. Il poter disporre le plance di gioco a proprio piacimento, rispettando soltanto la naturale regola di dover far combaciare le griglie di movimento è una caratteristica che dona ulteriore dinamismo al gameplay. Il deck-bulding è soddisfacente e il poter decidere di scartare e acquisire nuovi obiettivi durante le appropriate fasi di gioco permette di gestire al meglio le proprie possibilità.

Di certo non viene proposta una chissà quale varietà di mosse a disposizione ma nell’ economia del gioco sono più che sufficenti. Se poi contiamo che il tutto può essere ampliato acquistando separatamente altre bande da guerra, con le proprie caratteristiche peculiari e ulteriori carte specifiche e neutrali atte alla personalizzazione globale del proprio mazzo, e che si può estendere il tutto fino a quattro giocatori, allora l’ esiguo pool di azioni a disposizione passerà in secondo piano.

Purtroppo non ho avuto ancora modo di giocare Shadespire in 3-4 giocatori ma vorrei tanto provarlo in multigiocatore per testarne la scalabilità e il grado di coinvolgimento, magari insieme a suo fratello Nightvault ( probabilmente presto ve ne parleremo, ndr ).

Piccola considerazione: trovo che le espansioni delle varie bande da guerrra abbiano un costo un pochino elevato rispetto al prezzo base del gioco che già ne include due complete più tutto il materiale a corredo.

Stra-consiglio questo titolo agli amanti dello skirmish in arena e a chi vuole dedicarsi ad un combat game semplice ma allo stesso tempo appagante e molto divertente.

Augh

magic merchant banner meniac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *