The Princess Guide, la nostra recensione

the princess guide meniacUn titolo che che non riesce a convincere in pieno nonostante si sforzi di proporre una formula accessibile e dal forte impatto narrativo.

Principesse a scuola d’ armi

The Princess Guide è un prodotto particolare nel sua totalità. Non vi nascondo che questa recensione mi abbia dato da fare.

Parliamo di un jrpg dalla forte componente action. L’ incipit narrativo mostra fin da subito che ci troviamo di fronte ad un gioco che vuole uscire fuori dal coro. Ci sarà riuscito ?

In The Princess Guide, pubblicato di NIS America in occidente, vestiremo i panni di un’ insegnante, un maestro d’armi per la precisione che dovrà indottrinare nell’ arte militare quattro principesse di altrettanti regni di Relic Island, e le loro rispettive armate, in modo da riuscire a soddisfare i loro intenti.

Ogni principessa avrà il proprio carattere e le proprie priorità: Veronica, una strega, vuole conquistare il mondo seminando terrore grazie alla magia, Momomania vuole invece riappropiarsi di tutto ciò che ha perduto, Liliarte, amante della buona cucina, vuole sconfiggfere una famigerato drago per mangiarlo e infine Alpana, esperta di draghi, vuole riportare la pace nel mondo.

the princess guide meniac the princess guide meniac

Tuffiamoci nella mischia

Dopo un immancabile tutorial ci troveremo a forgiare il nostro PG. Nulla di speciale, giusto qualche aseptto predefinito, voce, nome e poco più. Sceglieremo poi una principessa dalla quale iniziare il nostro training e voilà, saremo catapultati nell’ azione.

Il gioco si snoda su continue missioni selezionabili tramite una mappa isometrica che somiglia milto all’ impostazione di un gioco da tavolo. Avremo la possibilità di scegliere la nostra destinazione e vedremo la nostra pedina spostarsi verso il luofgo designato che potrà contenere una missione principale oppure una battaglia accessoria. Il nostro percorso potrà essere interrotto dai nemici che si muovono anch’essi nella mappa e daranno vita a scontri estemporanei.

Una volta scesi sul campo di battaglia inizierà il vero dramma. Ci troviamo di fornte ad un gioco che spinge molto l’ accelleratore sulla fase action, tanto da sembrare a volte un moba. Guideremo un Leader affiancato da una brigata di supporto. Ogni menbro del party avrà le proprie statistiche e quindi si potrà organizzare il gruppo più adatto ad ogni esigenza A questo punto ci si potrebbe aspettare una profondità strategica e un organizzazione corale del gruppo e delle rispettive abilità di offesa e difesa ma nulla di tutto ciò.

the princess guide meniac

Ci troveremo a combattere nemici su nemici avvalendoci principalmente dell’ attacco e delle abilità speciali. Nulla di più. Inoltre una IA senza alcuna cellula sintetico-celebrale attaccherà senza sosta. A questo aggiungete una confusione sul campo esagerata che non facilita di certo le fasi più concitate, anzi le complica di non poco imponendo una visibilità molto limitata dovuta ai numerosi numeretti dei danni, ai cerchi degli attacchi a distanza e di tutto ciò che si muove e appare a schermo.

L’ unica differenza tra i vari scontri risiede nella modalità che si andrà ad affrontare: se saremo in modalità Commander Mode dovremo cercare di controllare punti ben precisi della mappa, spesso reliquie o trappole, mentre in Battle Mode dovremo sconfiggere in modo progressivo ondate di mostri. Fondamentalmente vi troverete ad affrontare missioni su missioni tutte uguali tra loro e con poca caratterizzazione. Altra caratteristica che potrebbe far storcere il naso ai più è che se cadrete sul campo di battaglia sarete costretti ad iniziare la missione dall’ inizio in quanto non è previsto alcun checkpoint. Inoltre un punto focale del combat system è che se i vostri soldati moriranno il leader non potrà più schivare gli attacchi, portando il più delle volte a un triste epilogo.

the princess guide meniac the princess guide meniac

RPG con la J minuscola

Molto meglio sviluppata la componente puramente RPG dove su una manciata di menù si potranno organizzare le nostre truppe, assegnare gli equip e sfruttare la materia, artefatti che permetteranno alle principesse di acquisire abilità e accrescere le proprie statistiche. Inoltre durante gli scontri, e non, vi troverete a fare delle scelte o meglio dovrete Sgridare o Lodare la principessa di turno in base alle proprie decisioni e volontà. Questo meccanismo vi permetterà di modificare il consenso o il dissenso nei vostri confronti e anche di guadgnare oggetti importanti ai fini dello sviluppo della regale entità.

La parte narrativa, se pur a volte risultando sensa senso, riesce invece a convincere. A seconda di quale principessa sceglieremo inizialmente l’ arco narrativo si muoverà in modo differente. Attenzione però: la storia non si focalizzerà soltanto sulla nostra scelta principale ma evolverà tra le fila di altre rincipesse nel corso degli eventi. Preparatevi a tonnellate di dialoghi corredati da poche animazioni tendenti al surreale, il tutto in inglese.

Graficamente siamo di fronte ad un opera di buon livello. Lo stile adotatto è molto definito e caratterizzante. Mi piace molto l’ impostazione della mappa di gioco e il design di personaggi e mostri è molto convincente. Peccato che non siano state sviluppate in maniera maggiore le scene d’ intermezzo relegandole sempre ai soliti siparietti.

Non posso che non menzionare i menù e la loro organizzazione. Tutto è troppo macchinoso. Anche il solo spostarsi da un punto all’ altro richiede di accedere ad un menù dedicato. Questo tipo di design rende troppo confusionaria la gestione portando a volte alla frustrazione.

Sul fronte audio siamo su buoni livelli. I temi e gli effetti sonori sono di buona qualità pur non risultando memorabili.

The Princess Guide è un gioco strano, è vero. Ha l ‘impostazione classica di un jrpg con scontri in tempo reale ma vorrebbe in qualche modo dimostrare anche una forte componente strategica che poi a conti fatti non riesce ad emergere in alcun modo.

Un gioco di nicchia? Assolutamente si.

Un titolo che che non riesce a convincere in pieno nonostante si sforzi di proporre una formula accessibile e dal forte impatto narrativo.

Se amate i titoli surreali, dove il button smashing sarà una delle attività principali allora The Princess Guide potrebbe fare al caso vostro…. potrebbe.

Augh.

the princess guide meniac

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *